Dopo sei mesi di silenzio, Jeffrey Beall attribuisce i danni dell’editoria predona all’omertà della “comunità scientifica”, ma anche all’open access di per sé.

via Squali nel mare dell’editoria scientifica — OggiScienza

Annunci