Diamo come al solito conto del decadale resoconto della posizione dell’ITF.

Dall’11 al 20 agosto, l’ITF ha iniziato il suo arretramento verso sud relativamente alla sua posizione durante il precedente periodo ed è stato anche leggermente più a sud rispetto alla posizione media a lungo termine durante questo periodo dell’anno. La porzione media occidentale (10W-10E) dell’ITF è stata localizzata vicino ai 19,1 gradi di latitudine nord, che è stata in maniera anomala più a sud della posizione climatologica di 0,4 gradi. La porzione media orientale (20E-35E) dell’ITF è stata approssimata alla latitudine di 17,2 gradi nord, che è stata anch’essa più a sud della posizione media di 0,2 gradi. La Fig 1 mostra la posizione attuale dell’ITF relativamente alla sua posizione climatologica durante la seconda decade di agosto e la sua posizione dell’ITF relativamente alla sua posizione climatologica durante la seconda decade di agosto e la sua precedente previsione durante la prima decade di agosto. Le figure 2 e 3 sono le serie storiche, che illustrano i valori medi latitudinali della porzione occidentale ed orientale dell’ ITF rispettivamente, e le loro evoluzioni da aprile 2017.

 

 

itcz.jpg
Fig 1
west.gif
Fig.2
east.gif
Fig.3

Siamo dunque arrivati al termine della grande anomalia 2017 dell’ITF, lo diciamo con una certa certezza visto che gli elementi che ne hanno determinato la straordinaria progressione si stanno progressivamente riassorbendo, uno su tutti l’anomalia fredda sul  Golfo di Guinea.anomg.8.21.2017.gif

 

Che ha determinato la grande stagione del monsone africano. Quindi da ora in poi ci aspettiamo un declino anche della stagione estiva, che non sarà più in zona africana caratterizzata  dal cuore rovente dell’anticiclone africano pronto ad invadere il Mediterraneo. Concludiamo l’articolo confermando la possibile ondata calda del prossimo weekend come forse l’ultima di questo anomalo 2017.

Annunci