Cerca

PROGETTO SCIENZE

Il “Cut-Off” sprofonda nel Sahara algerino, piogge e temporali isolati in pieno deserto

The Weather

Dopo aver apportato condizioni di severo maltempo, con venti di tempesta fra la Sicilia sud-orientale e l’isola di Malta, l’ormai ex “Cut-Off” mediterraneo abbassandosi di latitudine è riuscito a sprofondare sull’entroterra desertico dell’Algeria orientale nella giornata odierna, richiamando a sua volta masse d’aria umide e instabile che dal basso Mediterraneo si sono spinte verso la Tunisia e l’entroterra del Sahara algerino orientale, tramite l’attivazione di una ventilazione, moderata, da E-NE e Est, che assumerà una componente più da NE tra l’Atlante Sahariano e la regione desertica algerina del Grande “Erg” Occidentale.

CNMC_MET_201902271500_MEDITE_PNEF@@@@_@@@@@@@@@@@@_@@@_000_@@@@Queste correnti di aria più fredda e umida dai quadranti orientali, di origine mediterranea, una volta inseritesi sopra l’entroterra desertico tunisino e algerino, transitando a sud della catena dell’Atlante, hanno dato luogo a forti contrasti termici con l’aria più calda e secca, preesistente nei bassi strati in questi luoghi. I notevoli divari termici (“gradiente termico verticale”) fra…

View original post 251 altre parole

Annunci

Il “Pororoca”, la grande onda di marea che risale il corso del Rio degli Amazzoni

The Weather

Con il nome di “Pororoca” viene indicata una grande onda di marea che periodicamente riesce a risalire le foci del Rio degli Amazzoni, inoltrandosi per oltre 13-14 km, riuscendo a scorrere al di sopra della forte corrente generate dall’immensa mole d’acqua dolce, carica di detriti di ogni genere (fanghi, limi, sabbie), che si depositano sul fondo dell’oceano Atlantico equatoriale. Si tratta di un fenomeno molto affascinante, ormai ben conosciuto in tutto il mondo. Il termine “Pororoca” deriva dalla lingua indigena Tupi (i discendenti delle antiche popolazioni che abitavano lungo le foci del Rio degli Amazzoni), e significa “grande rumore distruttore“, visto il notevole boato che l‘accompagna e i numerosi detriti (in genere tronchi d‘albero) che spinge oltre la foce. Questo incredibile fenomeno si origina ogni qual volta che le acque dell’oceano Atlantico affluiscono all’interno del grande bacino idrografico sud-americano, per effetto dell‘alta marea, nei periodi di luna nuova e…

View original post 571 altre parole

Che tempesta di bora sulla costa croata, registrati picchi di 190 km/h

The Weather

Lo scorso fine settimana fra l’area balcanica e il bacino centrale del mar Mediterraneo si è venuta a creare la configurazione barica ideale per l’attivazione di fortissimi, a tratti pure violenti, venti di bora. Specie lungo la Dalmazia e tutto il medio-basso Adriatico. Tutto è iniziato nelle prime ore di sabato 23 febbraio 2019, quando mentre sullo Ionio si isolava una ciclogenesi un promontorio anticiclonico dinamico, con massimi di oltre 1045 hPa, dalla Francia si estendeva fin verso la Polonia e il Baltico, con asse inclinato verso nord-est. Questa spinta verso nord-est dell’anticiclone sull’Europa centrale determinava un fitto addensamento di isobare (compressione del “gradiente barico orizzontale”) con una spiccata curvatura ciclonica tra le Alpi Dinariche e lo Ionio, che risucchiava masse d’aria piuttosto fredde, pesanti e dense dall’area carpatico-danubiana e dai Balcani dirette verso il Carso e gli “intagli” naturali delle Alpi Dinariche. Sovente, con questo tipo di…

View original post 569 altre parole

RITORNANTE NEVOSA IN PUGLIA ATTESE NEVICATE ANCHE SU BASILICATA, CAMPANIA E CALABRIA

Un veloce impulso freddo sta interessando in queste ore la Puglia, figlio della circolazione fredda che ha colpito il nostro paese sabato scorso, nevica a Bari palese e questa mattina nevicava nell'entroterra come mostrato da questo video, i fenomeni nelle... Continue Reading →

MARZO FREDDO E PERTURBATO-PRIMAVERA SOSTANZIALMENTE NELLA NORMA

Presentiamo, come di consueto, le risultanze delle nostre analisi meteoclimatiche per il mese e la stagione che si aprirà la prossima settimana, dopo un febbraio sostanzialmente mite e siccitoso, sembra che il pattern debba cambiare radicalmente. Ma vediamo nello specifico... Continue Reading →

Furiosi venti di grecale spazzeranno i mari del sud nel weekend, rischio mareggiate in Sicilia

The Weather

Oltre al freddo e alle probabili nevicate, fino a quote molto basse, le regioni meridionali, nel corso del prossimo weekend, dovranno fare i conti con l’irrompere di venti piuttosto intensi, da N-NE e NE, che supereranno la soglia d’attenzione in svariate regioni. Difatti, proprio nella giornata di sabato, l’arrivo del nucleo di aria fredda polare continentale proveniente dai Balcani, verrà a sua volta esacerbato dall’avvicinamento alle nostre regioni meridionali del ramo più meridionale di quella saccatura a carattere freddo, da giorni posizionata sull’Europa orientale. La parte terminale di questa ondulazione ciclonica, i cui elementi si dipartono dall’ovest della Russia europea fino allo Ionio, tenderà a fare il suo ingresso sullo Ionio, grazie al moto “retrogrado” impresso dal robusto anticiclone dinamico posizionato sull’Europa centrale, favorendo l’entrata in fase con il sistema frontale in discesa verso le nostre regioni meridionali. L’avvezione di vorticità positiva in quota legata allo scivolamento dell’ondulazione ciclonica favorirà…

View original post 805 altre parole

Furiosi venti nord-orientali spazzano il centro-sud: picchi di 120 km/h, attenzione alla mareggiata sullo Ionio

The Weather

L’aria molto fredda, d’estrazione polare continentale, nella mattinata odierna ha raggiunto le nostre regioni centro-meridionali, attraverso l’inserimento di forti e turbolenti venti da N-NE e NE che in queste ore stanno spazzando con forza buona parte del nostro territorio, dalle Marche fino alla Calabria e alla Sicilia. La massa d’aria fredda e molto densa è scivolata dagli “intagli” naturali delle Alpi Dinariche verso l’Adriatico, sotto forma di forti raffiche “catabatiche”, che hanno superato i 100-120 km/h lungo le coste della Dalmazia. Dopo aver raggiunto le coste adriatiche, fra Romagna, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia, i gelidi venti da N-NE e NE hanno scavalcato molto velocemente l’Appennino, per versarsi fra la bassa Toscana, l’Umbria, il Lazio e la Campania come rafficati venti di grecale e tramontana, con raffiche di caduta che hanno raggiunto punte di ben 70-80 km/h sul Lazio e oltre 80-90 km/h sulla Campania, in particolare lungo l’imbocco…

View original post 664 altre parole

L’aria fredda sta per sfondare dai Balcani, nevicate e venti molto forti in arrivo al sud

The Weather

Le masse di aria molto fredde, che in questi giorni si sono addossate sull’area scandinava e sulla Carelia cominciano a scendere verso le Repubbliche Baltiche, la Polonia, la Bielorussia, l’Ucraina, la Moldavia e la Romania, prima di raggiungere i Balcani e riversarsi sull’Adriatico. Scivolando in direzione delle Repubbliche Baltiche, la Polonia e la pianura Danubiana, questa massa di aria gelida artica marittima, in discesa dalla Lapponia, si mescolerà con aria particolarmente gelida, di tipo polare continentale, che dal bassopiano Sarmatico si spingerà fino alla Romania e ai Balcani. L’aria fredda, e molto densa, raggiungerà già dalle prime ore di domani le regioni adriatiche, in particolare l’Abruzzo, il Molise e la Puglia, incanalandosi lungo i valichi naturali delle Alpi Dinariche, tramite l’attivazione di turbolenti “venti catabatici” (bora) che dalle coste Dalmate spireranno in modo rafficoso e turbolento, in direzione delle coste di Marche, Abruzzo, Molise e Puglia, dove si attiveranno intensi…

View original post 1.143 altre parole

COLPO DI CODA INVERNALE AL SUD-POSSIBILI FORTI NEVICATE SULLA CALABRIA E LA SICILIA OLTRE I 400m

Avevamo scritto, ormai dieci giorni fa, un articolo nel quale si prevedeva un probabile ritorno dell'inverno nel corso dell'ultima decade di febbraio a causa dell'elevazione verso nord dell'anticiclone delle Azzorre. Bene, questa previsione verrà rispettata soprattutto per le regioni meridionali.... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑